MARCHE-IT

GUIDA PER CONOSCERE LE MARCHE

Fiumi delle Marche

Le Marche sono caratterizzate da una buona presenza di fiumi in tutto il territorio regionale. 

Le sorgenti dei corsi d'acqua provengono dalle più alte vette della regione e vanno ad alimentare in parte i corsi d'acqua che confluiscono nel Tevere e in parte quelli che sfociano nell'Adriatico. 

Quali sono i fiumi delle Marche? Quanto sono lunghi i fiumi delle Marche?

I fiumi delle Marche che attraversano il territorio regionale sono: il fiume Tenna, il fiume Aso, il fiume Cesano, il fiume Conca, il fiume Misa, il fiume musone, il fiume Aspio, il fiume Ete Vivo, il fiume Ete Morto, il fiume Chienti, il fiume Esino, il fiume Tronto, il fiume Foglia, il fiume Potenza, il fiume Metauro, il fiume Fiastra, il fiume Fiastrone, il fiume Nera, il fiume Marecchia, il fiume Candigliano, il fiume Chienti di Gelagna, il fiume Giano, il fiume Nevola, il fiume Tavollo, il fiume Biscubio, il fiume Burano.

I fiumi che sfociano nell'Adriatico sono: il Foglia, il Metauro, l'Esino, il Musone, il Potenza, il Chienti, il Tenna, il Tronto. Tali fiumi sono prevalentemente di carattere torrentizio con corsi d'acqua che oscillano tra i 60 e i 120 Km di lunghezza. 

Di seguito un rapporto dettagliato delle caratteristiche dei fiumi delle Marche sopra citati: 

  • Foglia: è un fiume vanta un bacino di circa 700 Km quadrati con un corso d'acqua che percorre circa 90 Km.
  • Metauro: è un fiume con un bacino di 1399 km quadrati e percorre una lunghezza di 110 Km;
  • Esino: è un fiume caratterizzato da un bacino d'acqua di 1300 km quadrati e una lunghezza di 90 km;
  • Musone: è un fiume ha un bacino di 681 Km quadrati e un percorso d'acqua di 70 km;
  • Potenza: è un fiume che propone un bacino di 755 km quadrati e una lunghezza di 95 km;
  • Chienti: è un fiume con un bacino di 1284 km quadrati e una lunghezza di 91 km;
  • Tenna: è un fiume con un bacino di 484 km quadrati e una lunghezza di 70 km;
  • Tronto: è un fiume che vanta un bacino d'acqua di 1292 km quadrati e una lunghezza di 115 km.

Perchè i fiumi delle Marche sono a carattere torrentizio?

I fiumi delle Marche sono a carattere torrentizio in quanto nell'arco dell'anno subiscono variazioni della loro portata d'acqua; una caratteristica nota per i torrenti che nel corso dell'anno vantano piene repentine e di breve durata con portate ampie in alcuni mesi dell'anno e portate d'acqua prossime allo 0 negli altri mesi.

Solitamente i fiumi che nascono dall'Appennino hanno portate d'acqua ampie nel periodo invernale e basse nel periodo estivo.

Vi proponiamo un grafico dove vengono messe a confronto le lunghezze dei fiumi (Fig. A).

Fig. A


Da dove nascono i fiumi delle Marche?

I monti dai quali sgorgano le acque che vanno ad alimentare tali fiumi sono: 

  • Monte Penna e Monte Tre Pizzi (fiume Esino),
  • Monte Priora e Monte Sibilla (fiume Tenna);
  • Monte Belbo e Alpe di San Cristoforo (fiume Foglia);
  • Monte della Laghetta (fiume Tronto).

Una delle particolarità dei fiumi diretti al mare Adriatico è che nel corso dei secoli tali fiumi hanno modellato le montagne dalle quali scendono a valle formando delle gole:

  • gola del Furlo (Fiume Metauro), 
  • gola di Belforte (Fiume Chienti), 
  • gola di Arquata (Fiume Tronto),
  • gola di Serra San Quirico (Fiume Esino),
  • gola di Pioraco e San Severino (Fiume Potenza).


Domande e risposte sui fiumi:

  • Che cosa sono i fiumi e quali sono le loro caratteristiche? I fiumi sono corsi d'acqua che scorrono su un tratto di superficie terrestre.
  • Come si alimentano i fiumi? I fiumi si alimentano con le piogge, gli afffluenti, i torrenti, lo scioglimento della neve o dei ghiacci.
  • Di che cosa si compone un fiume? Il fiume è composto da quattro parti essenziali: la sorgente ossia dove ha origine il fiume, il letto o anche chiamato alveo dove scorrono le acque del fiume, le rive o sponde e la foce. Qust'ultima può essere a delta o a estuario.
  • Come si calcola la lunghezza di un fiume? Si misura calcolando la distanza tra la sorgente e la foce.
  • Cosa è la portata di un fiume? E' il volume di acqua che il fiume contiene espresso in metri cubi. La portata può essere di piena o di magra.
  • Per cosa vengono utilizzati i fiumi? I fiumi vengono utilizzati per produrre energia elettrica, irrigare, allevare pesci (nei fiumi di grande portata), fare sport acquatici (es. rafting).
  • Cosa è il bacino idrografico? Il bacino idrografico è quella parte di territorio che convogli le acque nel fiume.


I luoghi più visitati delle Marche


Basilica Santa Casa di LoretoBasilica Santa Casa di Loreto

Terra dei pellegrini ... leggi.



Palazzo Ducale UrbinoPalazzo Ducale, Urbino 

La costruzione del palazzo ... leggi.


Torre dei Gualtieri San Benedetto del TrontoTorre dei Gualtieri, San Benedetto del Tronto La torre propone ... leggi.




Basiliche, Chiese, Santuari


Basilica Santa Casa di Loreto Abbazia San Vittore Genga  Basilica San Nicola da Tolentino

 Cattedrale San Leopardo Osimo 

 


Monumenti delle Marche


Monumento Sisto V Loreto Fontana delle tredici cannelle Ancona Torre Civica Macerata Torre Numana